dicono di noi

Galleria foto

le passate edizioni



torna indietro

2 edizione 

“Brividi”. Non poteva essere nessun’altra la canzone, magnificamente da una Rossana Casale in perfetta simbiosi con il pubblico del Cimarosa, a suggellare la stupenda serata conclusiva di “Sono un’isola: Io, donna per una canzone d’autore – Premio Bianca d’Aponte”.

Sono state proprio le emozioni pure e forti che hanno caratterizzato una due giorni durante la quale le cantautrici in gara e gli ospiti hanno saputo testimoniare la vitalità della musica italiana. Del resto il carnet preparato da Fausto Mesolella conteneva in sé tutti gli elementi per non deludere quanti credono che la musica, come la poesia e l’arte tutta, abbia quale missione fondamentale quella di lasciare traccia nell’animo umano. Una Rossana Casale intensa e capace di emozionarsi ed emozionare quando canta “Le parole più belle” di Bianca ed al tempo stesso impossible non citare la stupenda performance deglia Avion Travel con Peppe Servillo. La voce impareggiabile di Brunella Selo e l’inarrivabile capacità di rendere la canzone napoletana ancora la più bella del mondo, hanno fatto il resto. Anche quest’anno, a presentare in modo impeccabile, è stata Vittoria Russo.

 

Le partecipanti

Chiara Morucci (Premio Bianca d'Aponte),

Ivana Cecoli (premio della critica),

Roberta Coppone (miglior composizione)

Isa (miglior testo)

Marilena Catapano (miglior interpretazione)

Nadia Tinto, Claudia Sorvillo, Erica Biavati, Ilaria Becchino, Eleonora Crocetti.

 


torna indietro