GINEVRA DI MARCO: madrina XI edizione del Premio Bianca d´Aponte

In linea con la decennale tradizione, anche quast'anno il Premio Bianca d'Aponte - Città di Aversa potrà contare su una straordinaria madrina: Ginevra Di Marco 

Bando scaduto il 24 aprile 2015.

Per coloro che avrebbero voluto partecipare  e non ce l'hanno fatta...arrivederci al 2016 !

A tutti gli amici, conoscenti, estimatori che hanno "condiviso" questa fase dell'XI edizione del Premio Bianca d'Aponte - Città di Aversa .... un grazie immenso. 

Gli ospiti alla X edizione del nostro Premio

 

 

Enzo Avitabile

Petra Magoni e Fausto Mesolella

 Andrea Mirò

Tony Bungaro 

Francesco Tricarico 

Elena Ledda

Mariella Nava Giovanardi

 Fausta Vetere                                          

     Kaballà Joe Petrosino

 Doppiopasso

 Alessio Bonomo

  

 Mimmo Cavallo 

Bianca d´Aponte Internazionale: foto gallery

I protagonisti del Bianca d'Aponte internazionale. Per la foto gallery clicca sul link sottostante

www.studiocompass.net/bda_2015

NOVITA´ ALLA PROSSIMA EDIZIONE DEL PREMIO

BIANCA D'APONTE INTERNATIONALE:

DOPO LA SERATA DI BARCELLONA, UN ALBUM E UN NUOVO PREMIO

 

UN CD CON LE CANZONI DELLA CANTAUTRICE CAMPANA IN 15 LINGUE E UN RICONOSCIMENTO AD UNA ARTISTA STRANIERA NELL'UNDICESIMO PREMIO BIANCA D'APONTE IL 16 E 17 OTTOBRE AD AVERSA

 

 

É stato il talento di Bianca d’Aponte a portare la canzone d’autore italiana al femminile a Barcellona l'8 marzo ed ora, da quell’esperienza, prendono il via due nuovi progetti: un premio e un cd internazionale.

 

Nel giorno della donna, nella città catalana una serie di artiste internazionali hanno interpretato in varie lingue diversi brani di Bianca, la cantautrice campana scomparsa a soli 23 anni mentre lavorava al suo primo disco. Ma le loro voci arriveranno anche in Italia attraverso un cd, ideato da Cose di Amilcare, la costola catalana del Club Tenco che ha organizzato la serata di Barcellona. L'album conterrà quelle ed altre canzoni della cantautrice eseguite in almeno quindici lingue: dall'italiano all'inglese, dallo spagnolo al tedesco, dal francese al catalano e al maltese ma anche  il catalano algherese, il russo, il ceco, il maori, il basco, il portoghese, l'alsaziano, il greco e altri idiomi. Il cd sarà presentato durante l'undicesimo Premio Bianca d’Aponte, l'unico concorso italiano per cantautrici, che si terrà ad Aversa il 16 e il 17 ottobre, durante il quale verrà anche attribuito per la prima volta il “Premio Bianca d'Aponte Internazionale” ad una artista straniera scelta da Fausto Mesolella, direttore artistico del d'Aponte, e da Cose di Amilcare.

 

La collaborazione fra il Premio d’Aponte e Cose di Amilcare quindi si rafforza e mira a creare sempre nuove occasioni per la valorizzazione della canzone artistica femminile. Così com’è stato per l’evento spagnolo che, oltre a portare in scena interpretazioni di grande qualità, non ha lesinato emozioni reali che hanno valicato ogni barriera linguistica. “In quella serata  - racconta Gaetano d'Aponte, padre di Bianca e patron del Premio a lei dedicato - tutto poteva apparire normale, eppure l’attesa e l’emozione che sentivo normali non erano, come non lo era la presenza di tanti amici venuti apposta dall’Italia a testimoniare il loro amore per Bianca, la mia Bianca, protagonista della serata. Il pensiero che a portarci fin là fosse stata Lei, col Suo talento e la Sua capacità di farsi amare anche da chi non ha avuto modo di conoscerla, come Sergio Secondiano Sacchi, promotore dell’evento, mi frastornava, rendendomi al tempo stesso orgoglioso e malinconico ma anche cosciente che Bianca c’è!”.

 

Intanto è disponibile il bando della nuova edizione del “Premio Bianca d’Aponte - Città di Aversa”, la cui scadenza è fissata per il  24 aprile 2015. Le dieci finaliste saranno selezionate da un Comitato di garanzia composto, come per le passate edizioni,  da cantanti, autori e compositori di notevole spessore artistico nonché da operatori del settore e critici musicali. La partecipazione è gratuita. Alla vincitrice sarà attribuita una borsa di studio di € 1.000,00; per la vincitrice del Premio della Critica la borsa di studio sarà di € 800,00. Riconoscimenti speciali andranno alla migliore interprete, al miglior testo ed alla migliore composizione musicale. 

Bianca d´Aponte Internazionale: 8 marzo - Barcellona

A BARCELLONA BIANCA D’APONTE IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO

UN GRANDE SPETTACOLO PER L'8 MARZO:

DIECI ARTISTE INTERNAZIONALI TRADUCONO E CANTANO I BRANI DELLA GIOVANE CANTAUTRICE CAMPANA SCOMPARSA NEL 2003

L’universo musicale di Bianca d’Aponte arriva a Barcellona. I brani della promettente cantautrice, scomparsa a soli 23 anni mentre lavorava al suo primo disco, varcano i confini nazionali e linguistici: l'8 marzo nella città catalana, infatti, verranno interpretati in molte lingue da numerose artiste internazionali. Sarà l’evento clou della quattro giorni del “Bianca d'Aponte International”, la manifestazione voluta e organizzata da Cose di Amilcare, la filiale spagnola del Club Tenco, che porta così in Catalogna un'eccellenza italiana.

Tutto nasce da un festival, il Premio Bianca d'Aponte, che è molto più di un festival. È una creatura unica in Italia, che ospita un concorso musicale riservato esclusivamente alle cantautrici. Ogni anno accorrono ad Aversa, città natale di Bianca e del festival, artisti, autori, addetti ai lavori, intellettuali fra i più importanti d'Italia, oltre alle finaliste selezionate in mesi di lavoro.

Ora le canzoni della cantautrice scomparsa nel 2003 arrivano all'estero, a Barcellona, città di cultura e socialità che è perfetta per ospitare una serata come quella dell'8 marzo, il giorno della donna. Al C.A.T. (Centre Artesà Tradicionàrius) andrà in scena uno spettacolo, ideato da Sergio Secondiano Sacchi, composto da ben diciannove set. I brani saranno cantati in italiano (da Katres, cantautrice aversana già finalista del Premio d'Aponte), in inglese (da Anita Zengeza dello Zimbabwe e dall’inglese Samantha De Siena), in spagnolo (da Ana K. García e da Victoria Niven della band Por H o Por V, entrambe argentine), in tedesco (da Vera Gottschall), in francese (da Céline Pruvost), in catalano (da Rusó Sala), in maltese (da TroffaHamra) e in varie lingue dal gruppo multietnico Dinatatak. Ma il repertorio di Bianca sarà interpretato anche attraverso la danza, grazie a uno dei maestri internazionali della jazz dance, Julyen Hamilton, che si esibirà con Paolo Cingolani.

Non mancherà poi Fausto Mesolella, direttore artistico del Premio Bianca d’Aponte, che accompagnerà con la chitarra una registrazione di un brano cantato da Bianca, nell'ambito di un suo breve concerto durante il quale riceverà il Premio Rambaldi 2015. La scenografia della serata è realizzata da un artista di livello internazionale come Marco Nereo Rotelli.

 

I brani di Bianca d'Aponte cantati durante la serata faranno parte di un Cd, ideato da Cose di Amilcare, in cui saranno presenti anche altri idiomi: il catalano algherese, il russo, il ceco, il maori, il basco e il portoghese. Il Cd verrà presentato durante la prossima edizione del Premio Bianca d'Aponte, in programma il 16 e 17 ottobre con le finali del concorso.

Il bando della undicesima edizione di “Sono un’isola: io, donna per una canzone d’autore – Premio Bianca d’Aponte Città di Aversa” (la cui scadenza è fissata per il 24 aprile 2015) è disponibile sul sito ufficiale www.sonounisola.it. Le modalità di partecipazione sono dettagliatamente descritte nel bando.

Il grande evento dell'8 marzo sarà per Cose di Amilcare la conclusione di quattro giornate fitte di appuntamenti. Il 5 marzo un concerto del cantautore italiano Olden al Tinta Roja, il 6 l’inaugurazione al CAT della mostra di Sergio Staino “Song in comics” e un concerto di Katres alla Sonora de Gracia, il 7 la proiezione del film “Cavalli si nasce” dello stesso Staino alla libreria italiana Le Nuvole e ancora Katres dal vivo all'Inusual project.

L'8 marzo la serata vedrà, oltre al tributo a Bianca d'Aponte, anche una sezione riservata alle poetesse. Loro poesie musicate o brani a loro dedicati saranno eseguiti da Sílvia Comes (per Gloria Fuentes), Enric Hernàez (per Maria Mercè Marçal), Olden & Ulrich Sandner (per Alfonsina Storni), Wayne Scott (per Emily Dickinson). Una parte privilegiata verrà dedicata ad Alba Avesini, storica socia del Club Tenco e traduttrice italiana, fra l'altro, degli albi di Asterix. Le sue poesie saranno musicate da Carlo Doneddu, Riccardo Massari e Andrea Satta dei Têtes de Bois, ed inoltre nella traduzione spagnola da Ana K, García & Gaddafi Núñez e in quella catalana da Enric Hernàez. Ma non mancheranno altre sorprese, come la presentazione del brano “Roba di Amilcare” di Paolo Conte nella traduzione catalana di Rusó Sala. Il tutto sarà documentato, in funzione di una prossima mostra, da un duplice servizio fotografico. Uno curato da Fabrizio Fenucci che, in un apposito spazio del CAT, allestirà un Photo-Show aperto al pubblico e un altro realizzato live durante la serata da Roberto Molteni.

Il 12 marzo infine ci sarà una coda con un concerto di Flo (premiata per il miglior testo al premio Bianca d’Aponte 2014) al Razzmatazz.

 

BANDO XI edizione Premio Bianca d´Aponte - Città di Aversa

L’Associazione Musicale Onlus Bianca d’Aponte di Aversa
bandisce la XI edizione del Concorso nazionale per sole cantautrici
“Sono un’isola: io, donna per una canzone d’autore – Premio Bianca d’Aponte Città di Aversa” che si terrà il 16 e il 17 ottobre 2015

Non è prevista alcuna quota di iscrizione.

Le domande di iscrizione dovranno essere spedite entro 24 aprile 2015.

Le modalità di partecipazione sono dettagliatamente descritte nel bando.

Scarica il bando cliccando col tasto destro sul pulsante sottostante e selezionando salva oggetto con nome ...

 
   bando di concorso

 

e scarica la scheda per iscriverti
 
   scheda di iscrizione 

 

63 voti. vota!

Bianca d´Aponte internazionale

 

Cose di Amilcare, estensione catalana del Club Tenco, proporrà, il prossimo 8 marzo, a Barcellona, una serata interamente dedicata alle canzoni di Bianca interpretate da sole donne ma tradotte in lingue diverse: catalano, spagnolo, basco, inglese, tedesco, portoghese, maltese.

Si avvia così, su iniziativa di Sergio Secondiano Sacchi, ​una collaborazione tra noi e l'Associazione catalana. Il progetto è stato presentato e illustrato sabato 4 ottobre nel corso del Premio Tenco.

Grazie, Sergio, per aver portato Bianca tanto in alto.

 

 

X EDIZIONE DEL PREMIO "Bianca d´Aponte - Città di Aversa" su ROXYBARTV

 Per chi volesse vivere o rivivere la X edizione del Premio, ecco i link con le riprese delle serate e delle interviste di Red Ronnie ai protagonisti. Buona visione.

1^ serata

http://youtu.be/RvL8XesgO1w

2^ serata

http://youtu.be/XkcQmuP4sPg

 

 

 

 

 

ANIMA BIANCA

E' in vendita negli store tradizionali ed on line, il Cd con i brani di Bianca cantati dalle madrine, e non solo, delle dieci edizioni.  

amazon

Il Premio Bianca d´Aponte - Città di Aversa X edizione va ad Elisa Rossi

Elisa Rossi con il brano “Pensi sia possibile”, è la vincitrice del Premio Bianca d’Aponte Città di Aversa 2014 giunto alla X edizione. La cantautrice riminese, ma romana di adozione si aggiudica così la borsa di studio del valore di € 1500,00 messa in palio dall’organizzazione e anche la targa offerta dall’Associazione “MuoviLaMusica” diretta da Alberto Salerno e dalla moglie Mara Maionchi.

La vincitrice Elisa Rossi nasce a Rimini nel 1979 e sin dalla tenera età si circonda di musica. Nel 1998 si trasferisce a Roma per studiare recitazione e canto presso l'Accademia d'arte Drammatica “Pietro Sharoff”, diplomandosi nel 2000; successivamente, si iscrive alla Saint Louis College of Music, frequenta laboratori jazz con Murk Murphy e Maria Pia de Vito ed inizia la sua attività concertistica con varie formazioni jazz. Intanto le sue prime canzoni iniziano a prendere forma. Nel 2005 collabora con il compositore Simone de Santis interpretando la canzone "Come and get me". Nel 2007 partecipa al Musicultura Festival vincendo il premio SIAE per la migliore musica e il premio Sisme per la migliore interpretazione con il brano "Calmapparente", scritta in collaborazione con Bungaro e contenuta nella compilation del Festival. Nel 2008 con la canzone "Imparo l'amore" si aggiudica ancora il premio Sisme come migliore interpretazione e un posto nella compilation di Musicultura classificandosi tra i primi 16 artisti. Sempre nello stesso anno vince il premio migliore arrangiamento al Mantova Music Festival con i brani "Collane di perle" e "Ostinatamente". Nel 2009 è impegnata con il tour del musical "Hair" nel ruolo di  Crissy (regia di Giampiero Solari e Luca Tommassini) e nel 2010 esce il suo primo album dal titolo "Viola Selise", che vede come produttore artistico J.D.Foster (Capossela, Calexico). Il secondo album "Il dubbio" (produzione artistica Fabio Cinti) è uscito a Novembre del 2013 sui più importanti digital store.

La due giorni di musica che ha celebrato il decennale del Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa “Sono un’isola: io, donna per una canzone d’autore” con la partecipazione di numerosi ospiti big spalmati per ovvi motivi di tempo nell’arco delle due serate – tra questi Andrea Mirò, Enzo Avitabile, Petra Magoni, Bungaro, Mauro Ermanno Giovanardi (La Crus) e tanti altri -, ha riunito anche le cantautrici emergenti vincitrici di tutte le nove edizioni precedenti che a distanza di anni sono ritornate ad Aversa a testimonianza del legame di affetto che perdura con questo concorso e con gli organizzatori: Veronica Marchi e Germana Grano (ex aequo 2005), Chiara Morucci (2006), Eleonora Beddini (Mama’s Gan, 2007), Erica Boschiero (2008), Momo (2009), Claudia Angelucci (201), Marta Charlotte Ferradini (2012) e Federica Abbate (2013).1 Non erano invece presenti perché all’estero, ma è giusto ricordarle, Laura Montanari (voce delle Mama’s Gan) e Laura Campisi (2010) che vive attualmente a New York.

Altri premi e riconoscimenti sono stati consegnati nel corso della serata finale. Il Premio della Critica, borsa di studio del valore di € 1000,00 è andato alla friulana Elsa Martin, di Udine, con “Cjante”; la borsa di studio di € 500,00 per il premio per  il Miglior Testo, è stata assegnata a Flo al secolo Floriana Cangiano di Napoli con “Quale amore”; la borsa di studio di € 500,00 per il premio per la Migliore Interpretazione è andato ad Anita Vitale di Messina per il brano “Quanto Custa”. Alfina Scorza di Salerno che a presentato il brano “Suona forte” è stata consegnata la borsa di studia di € 500,00 per la Migliore Composizione ed è inoltre stata scelta da Mariella Nava che le ha proposto un contratto con la sua nuova etichetta discografica “Suoni dall’Italia – Produzioni Musicali” che le permetterà di intraprendere l’attività lavorativa musicale a livello professionale.

Fuori gara, fuori concorso e fuori programma, inoltre Mariella Nava ha proposto un secondo contratto discografico ad un’altra cantautrice, già conosciuta nel mondo dello star system e che ha vinto il Premio Bianca d’Aponte nel 2009, Simona Cipollone in arte Momo.

Il Premio Bianca d’Aponte è già al lavoro per la nuova edizione che avrà un’apertura alla musica internazionale (le cui specifiche saranno disponibili nel prossimo bando di prossima pubblicazione) e del quale si avrà un’anteprima a Barcellona il prossimo 8 marzo 2015 al “Bianca d’Aponte Internazionale”, (presentato al recente Premio Tenco), nel corso del quale verranno eseguiti esclusivamente brani di Bianca d’Aponte tradotti in varie lingue (evento ideato e voluto da Sergio Sacchi, grande esperto di cantautori e tra i fondatori del Club Tenco).

premio bianca d'aponte - sono un'isola