Premio Bianca d‘Aponte

Premio Bianca d‘Aponte

Il premio per le cantautrici italiane emergenti che vogliono esprimere la propria arte

Il premio Bianca d‘Aponte in Spagna

Il premio Bianca d‘Aponte in Spagna

Il 3 Marzo all‘Istituto italiano di cultura di Madrid e il 5 Marzo a Logroño

MUSICA NUDA in concerto

MUSICA NUDA in concerto

Auditorium Bianca d‘Aponte, Via Nobel - Aversa (CE)

dicono di noi

Galleria foto

le passate edizioni

concerti

Nina Zilli, madrina della XIX edizione

Nina Zilli (pseudonimo di Maria Chiara Fraschetta) è nata a Piacenza il 2 febbraio 1980. È una cantautrice, personaggio televisivo e conduttrice radiofonica. Suo compagno, dal 2019, è Daniele Lazzarin, in arte Danti. I due si sono conosciuti durante la collaborazione del brano Tu e d’Io e sono genitori di Anna Blue nata il 2 giugno di quest’anno. Nina Zilli è uno pseudonimo che coniuga il nome della sua cantante preferita, Nina Simone, con il cognome di sua madre. La musica diventerà presto parte fondamentale della sua vita, ma intanto trova il tempo per andare a vivere all’estero e laurearsi in Relazioni Pubbliche allo IULM di Milano. Per il suo esordio come cantante bisognerà aspettare il 2009, quando inizia la collaborazione con la Universal. Uscirà “50mila” e poi il suo primo EP, e in seguito arriveranno i primi dischi della cantante: nel 2010 “Sempre lontano”, il 2012 è l’anno di “L’amore è femmina”, nel 2015 “Frasi & fumo” e nel 2017 esce “Modern Art”. Nel 2015 Nina Zilli partecipa, come giudice di talenti, alla sesta edizione di Italia’s Got Talent. Ricopre quel ruolo fino al 2018. La sua prima apparizione al Festival di Sanremo con la canzone “L’uomo che amava le donne”, risale al 2010, l’anno successivo ci torna da ospite per duettare con i La Crus. È stata a Sanremo anche nel 2012 con il brano “Per Sempre”, nel 2015 con il brano “Sola” e nel 2018 con la canzone “Senza appartenere”. A Sanremo 2020 duetta con Diodato, in gara, sulle note di “24000 baci”. Nel 2022 ha pubblicato il suo romanzo “L’ultimo di sette”, titolo che scaturisce dall’essere il suo primo libro pubblicato dopo averne già scritti sei, il primo a 18 anni.